Marsala, la Sicilia nel bicchiere

Ho un piccolo indovinello per voi: sapete qual è il più antico vino DOC, con denominazione di origine controllata, d’Italia? Per assaggiarlo dovete scendere nel profondo sud, fino alla punta occidentale della Sicilia. Si tratta infatti del Marsala, che dal lontano 1969 è protetto da un particolare disciplinare di produzione.

È un bel vanto per noi siciliani, ma vi assicuro che quando assaggerete un bicchiere di Marsala Oro e Ambra o Rubino dimenticherete tutti questi dettagli “burocratici” in un attimo! Lo spirito del Marsala risiede nella contaminazione, che gli conferisce una ricchezza incredibile. È un vino liquoroso che può essere gustato freddo o a temperatura ambiente e si sposa con molti piatti della nostra tradizione.

Ma è anche un vino che rispecchia perfettamente le caratteristiche di questa splendida Terra e che si cala nelle tradizioni secolari siciliane. Le sue origini risalgono al 1700, quando veniva apprezzato sia dai contadini locali che dai navigatori inglesi e spagnoli, che ne a casa portavano barili e barili.

Fra i diversi stabilimenti storici di produzione del Marsala, ne ho scovato uno davvero particolare. Le sue cantine risalgono alla metà dell’800 e sono una perla di archeologia industriale ospitate da un tradizionale baglio, le antiche fattorie fortificate siciliane.

Vi invito a venire con me a visitarle per assaporare questo ottimo vino insieme ai tipici piatti mediterranei, il tutto seguito da una pausa di contemplazione di questa Terra incredibile! Prenotate qui il vostro viaggio.

Comments

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.